Il ritorno di Mozart di Atlantide

Potrebbe essere il titolo perfetto per un seguito, ma in questo caso serve solo a indicare che ho messo di nuovo online l'ebook con il romanzo completo.

La versione che potete scaricare adesso è un po' differente da quella disponibile in precedenza: ho tagliuzzato molto i primi capitoli, ho curato un po' il linguaggio e ho tolto un po' di descrizioni troppo tecniche che molti trovavano noiose. In linea di massima il contenuto rimane identico, ma spero che il testo sia diventato più scorrevole. Ho anche realizzato una nuova copertina, così da contraddistinguere maggiormente le due versioni (la prima ormai la troverete solo su emule).

Anche avendolo accorciato un po', il romanzo resta sempre un bel malloppone (190 pagine A4!) per cui vi consiglio di stamparlo così da poterlo leggere dove preferite senza distruggervi la vista davanti allo schermo del PC. È vero che stampare tanti fogli può esser antipatico, oltre che costoso, ma poi potrete sempre prestarlo a un amico, farlo leggere a vostro zio che fa l'editore oppure riciclare la carta per altri usi (questo dipende da quanto apprezzerete il romanzo ^^).

Mi sembra superfluo dire che sarò felice di leggere le vostre opinioni sia in privato (la mia mail è sempre simone punto navarra chiocciola virgilio punto it) sia qui sul blog.

Link correlati:

La presentazione di Mozart di Atlantide sul mio sito.

Mozart di Atlantide.pdf (2.0 Mb)

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Ho scaricato anche questa versione, anche se onestamente non so quando la leggerò. :( Tra l'altro per un serio confronto diretto con la precedente dovrei avere di entrambe 2 letture fresche, e il tempo è sempre tiranno.

Io comunque la vecchia versione la conservo gelosamente, in attesa che su eMule spariscano le fonti e tra qualche anno possa venderla a caro prezzo da Christie's. ;-)

Ciao, dactylium

Simone ha detto...

Non preoccuparti, non credo sia necessario un confronto. ^^

Simone

Federico Taotor ha detto...

Già, un parere sulla versione fresca è più sincero e più utile, se non hai letto la vecchia. Perché in questo modo trovi errori anche nella nuova, e puoi migliorarla ulteriormente. ^^

PS. Grazie della mail, Simone. Ho cominciato a leggere (abbandonando La Sindrome, per ora) e ti farò sapere. Non presto, se devo essere sincero. Lunedì parto per la Grecia, vedrò cosa potrò fare domenica mattina ^^.
P.P.S. Non ti preoccupare, non metto niente in p2p, se non quello che già scarico. :P

Simone ha detto...

Come "abbandonando"? ^^ Comunque a migliorarla ulteriormente adesso non ci penso nemmeno, prima finisco il libro dei gatti.

Simone

Federico Taotor ha detto...

Ebbe', ho dovuto farlo! Non ho ancora sviluppato il potere di leggere più cose contemporaneamente, benché mi stia esercitando! ^^

P.S. Ho un gatto. Si chiama Ovidio, e ha 5 o 6 anni. :D

mcnab ha detto...

Intanto ho cominciato a salvarlo, piano piano mi dedicherò alla lettura e ti farò sapere.
Intanto complimenti per la veste grafica, funzionale ma non banale, fa il suo effetto (copertina compresa).
Buon w-end!

Federico Taotor ha detto...

Simone, che programma usi per fare le copertine dei tuoi racconti? Mi ingrifano non poco. :D

Simone ha detto...

La mia macchina fotografica (una delle tante) e photoshop.

Simone

Kinsy ha detto...

Ho scaricato questo e-book.
Premetto che leggo il tuo blog quasi quotidianamente e mi piace molto come scrivi: sei ironico e catturi subito l’attenzione del lettore.
Ma in riferimento a questo tuo romanzo, non so se sia perché ho letto la prima pagina a video, ma devo dire che come inizio non mi ha entusiasmato. Troppo spinto dal punto di vista della fantascienza. Sembra che tu voglia avvertire subito il letto che si tratta di fantascienza, quasi da non lasciargli alcun dubbio. E non attiri l’attenzione sulla vicenda.
Proverò comunque a leggere ancora qualche pagina e poi ti farò sapere. Ma credo che un editore (in primis, e un lettore, poi) al momento di scegliere se pubblicare (o acquistare) un romanzo, se non sono già attratti dalla prima pagina, credo passino oltre.
Ovviamente questo è il mio pensiero personale, non supportato da competenza, se non quella di lettore a caccia di novità in libreria…
Kinsy
(www.atelierdiscrittura.splinder.com)

Simone ha detto...

Non posso certo discutere sui gusti e le sensazioni dei lettori, ed è vero che l'inizio è fondamentale. Sono sicuro che nel complesso il libro ti piacerebbe (non so perché, forse ho la pretesa che piaccia a tutti) ma ti avviso che se ti aspetti uno stile simile a quello del blog ne resterai deluso (la sindrome di Reinegarth invece è un po' più così).

Buffo anche come una delle critiche che mi hanno fatto più spesso (anche editori) è che il romanzo non sia abbastanza fantascientifico... però secondo me hai ragione tu, che almeno l'inizio l'hai letto ^^

Matteo O. ha detto...

domanda: visto che è distribuito sotto cc, perchè non ne rilasci una copia in html, così è più semplice leggerlo sui dispositivi palmari (per esempio)?

Simone ha detto...

Sai che non ho ben capito come si fa? Da openoffice se salvo in html viene fuori un pastrocchio... magari provo a incollare tutto in un editor e vedo che succede.

Grazie del consiglio!

Simone